Grande boxe al palazzetto dello sport ripensando all’indimenticabile Parisi

Pavia, presentata la statua dedicata a Flash che sarà svelata a maggio

LO SCULTORE DE PAOLI «La mia opera ha un’anima: quando ho finito il volto La moglie lo ha accarezzato

– PAVIA –

PESATA pubblica ieri pomeriggio. La sala consiliare che poche ore dopo avrebbe accolto gli esponenti politici in giacca e tailleur, ha lasciato spazio a due uomini in mutande. Non due persone come tante, certo, ma Gianluca Frezza, 36 anni e il georgiano Giorgi Ungiadze di 31. Sono i pugili protagonisti del match valido per l’International Contest che si disputerà stasera al Pala Ravizza di Pavia. Una serata di grande boxe anche in memoria di Giovanni Parisi, che ha perso la vita sette anni fa sulla tangenziale di Voghera, città in cui i suoi genitori si erano trasferiti dalla Calabria e in cui anche lui era cresciuto e aveva formato la sua famiglia. Per ricordarlo, lo scultore pavese Antonio De Paoli ha realizzato un’opera che sarà inaugurata il 7 maggio a Voghera. I dettagli della cerimonia sono stati forniti ieri dallo stesso artista: «L’inaugurazione — ha detto — si terrà alle 15 e il monumento sarà benedetto dal monsignor Cesare De Paoli, responsabile della comunità di Casalnoceto. «Attualmente la statua si trova in parte a Verona ‘parcheggiata’ alla fonderia artistica — ha aggiunto De Paoli — e in parte a Voghera. Presto sarà assemblata». Il monumento presenta una prima pagina della Gazzetta dello Sport, alta 3 metri, in acciaio Corten, su cui campeggia la sagoma del pugile ricavata al negativo. «Ma non è un manichino — ha sottolineato Antonio De Paoli —, io ho voluto rendere `viva’ la mia opera, dandole un’anima». Nel percorso l’artista è stato aiutato dalla vedova di Flash Parisi, Silvia Hrubinova. «In questo anno in cui mi sono dedicato alla realizzazione del monumento — ha detto De Paoli — Silvia veniva nel mio studio una volta alla settimana e mi correggeva perché una volta il naso non andava bene, un’altra volta si doveva cambiare qualche altro particola-re del viso. Alla fine, però, ha accarezzato quel volto, ho capito così che aveva riconosciuto nella mia statua il ‘suo’ Giovanni. Questo per me è stato il complimento più bello».

PERCHÉ Flash non era soltanto un pugile, ma anche un «uomo straordinariamente intelligente» come ha ricordato il medico sportivo, suo medico e amico personale Mario Sturla. «Insieme faceva-

mo un sacco di zingarate — ha ricordato Sturla – Una  volta a settimana andavamo in giro a testare i ristoranti. Una volta durante un match importante a Calabria, Giovanni cadde prima del limite. Era steso al tappeto quando mi sono avvicinato per accertarmi delle sue condizioni aperto un occhio e mi ha detto ‘Si preoccupi di mia moglie, lo sa io recupero’». Commosso, ha raccontato diversi aneddoti che sulla Vita sportiva di Parisi, sottolineando come parlasse sempre «a bassa voce per i suoi uditori a prestargli attenzione». Ed era un uomo profondo_ «Una volta durante un’intervista — ha ricordato ancora il dottor Sturla — gli chiesero quale viaggio gli era rimasto più nel cuore e risposte che ‘tutte le sere prima di dormire, compiva un viaggio nella sua anima’ Giovanni era questo». E il monumento lo racconta.

di MANUELA MARZIANI

SPORTIVI Da sinistra Gianluca Fezza, 36 anni e Giorgi Ungiadzedi, 3 Sopra, la statua dedicata a Giovanni Parisi (Torres)

Fonti

 

Una statua per ricordare il grande Flash

7 maggio a Voghera sarà scoperto il monumento dedicato a Parisi, indimenticato campione

VOGHERA
La statua in memoria del pugile Giovanni Parisi verrà inaugurata sabato 7 maggio alle 15 nel giardino di fronte all’ingresso della palestra della Boxe Voghera: a seguire una riunione di pugilato dilettantistico riservato alla categoria Elitè e una raccolta fondi destinata alla realizzazione del monumento. La data coincide con la Sensia (festa patronale) e l’anniversario dei vent’anni dalla vittoria della medaglia d’oro vogherese alle Olimpiadi di Seul ’88 al campionato del mondo Wbo. «Parisi è un punto di riferimento, soprattutto in tempi come questi in cui lo sport sta vivendo momenti difficili», spiega il delegato del Coni di Pavia Luciano Cremonesi, alla presentazione del l’evento, tenutasi alla sede del Coni. Silvia Hrubinova Parisi vede in questa scultura, per la cui costruzione ha generosamente contribuito, come “… un’opportunità di ispirazione in particolar modo per i giovani in cerca di una strada per il loro futuro: tutti i progetti possono essere realizzati con l’impegno e senza smettere di credere in se stessi». La statua nasce circa due anni fa dal gruppo Facebook “Vita da pugili”, dove molti fan di Parisi chiedevano di ricordarlo in qualche misura: la sfida fu raccolta da Antonio Perugino, gran-de amico di Giovanni. Perugino
ha dato vita all’iniziativa “‘fitti insieme per Giovanni Parisi”, grazie alla quale sono stati raccolti i fondi necessari per l’avvio della costruzione della scultura. Per svolgere questo compito si è voluto cercare un artista dell’0ltrepo che sapesse esprimere sentimento e dinamicità nelle sue opere: Antonio De Paoli, scultore pavese, ricercando l’animo umano nelle sue opere, riesce a ricostruire la personalità dei soggetti, ridando vita attraverso la materia. La figura di Giovanni nel monumento alto due metri esce come un proiettile da una foto della «Gazzetta dello Sport» (alta tre metri), in particolare dalla prima pagina del giornale, che 20 anni fa raccontava la vittoria del pugile al mondiale Wbo. Le saette che escono dal terreno e che irrompono nella pagina di giornale dal basamento spaccato consentono a Parisi di essere vivo. «Flash» è ritratto nel monumento bronzeo mentre si ritrae e allunga il pugno per colpire e abbattere l’avversario come nella famosa finale olimpica. «Un artista deve creare qualcosa di vitale, deve perpetuare i personaggi nel tempo», rileva De Paoli. Vincenzo Gigliotti, amico e compagno di allenamento del pugile, ha realizzato il basamento della statua (alto cm. 50). Il professor Mario Ireneo Sturla ha accompagnato il campione in tutta la sua carriera, e aggiunge: «Giovanni non era solo quello che raccontano i giornali, un campione cui chiedere foto e autografi: si distingueva per la sua umiltà, tenacia, caparbietà, fiducia in se stesso, sensibilità ed intelligenza».

(m.’sc.)

Fonti:

Pronto il monumento per Parisi

VOGHERA

Lo scultore De Paoli sta realizzando una statua per ricordare il campione di boxe

Una statua per «Flash» Giovanni Parisi: l’indimenticabile campione vogherese della boxe. Sarà alta due metri, fatta di acciaio e bronzo e «sprigionerà energia e vitalità». Il progetto del monumento dedicato a Giovanni Parisi nasce nella primavera del 2014 dall’iniziativa del comitato «Tutti insieme per Giovanni Parisi». La statua sarà inaugurata il 19 marzo nel giardino antistante la palestra della Boxe Voghera, a cento metri dal PalaOltrepo. Antonio De Paoli, scultore di 49 anni, da quest’estate ha cominciato a realizzare il monumento dal bozzetto iniziale. Sarà alto due metri; verranno utilizzati acciaio corten (un tipo di acciaio che raggiunge un’ossidazione rossastra) e bronzo. De Paoli ha già realizzato opere importanti. Nel giugno scorso ha inaugurato un monumento di 27 metri collocato nella caserma dei vigili del fuoco di Lodi. «La sfida era interessante perché era un monumento dedicato alla memoria – spiega l’artista – Mi sono proposto di non realizza-re una statua retorica, ma estrapolare l’energia di Parisi». Verrà proposta la figura del pugile
in combattimento che esce dal-la prima pagina della Gazzetta dello Sport. «Come se si materializzasse dalla storia per perpetuare la sua memoria», spiega ancora lo scultore. La statua verrà inaugurata il 9 marzo in
concomitanza del ventennale della vittoria di Parisi del campionato mondiale dei superleggeri a Milano contro Fuentes. L’opera è stata scolpita da un blocco unico come se fosse marmo. La statua ha una forma indipendente in bronzo, mentre la pagina del quotidiano sportivo è in acciaio. Lo studio dell’artista è a Corvino San Quirico. Nei giorni scorsi hanno fatto visita allo scultore il presidente del comitato Antonio Perugino, che aveva promosso l’iniziativa, e la moglie di Giovanni Silvia Hrubinova. «Il progetto mi è piaciuto dall’inizio, mi interessava la somiglianza -commenta la moglie di Parisi -Per lo scultore è stata un’opera difficile perché De Paoli non ha mai conosciuto Giovanni. Non era facile fare il volto. Mi sono emozionata». «Un progetto voluto da tante persone in tutta Italia e anche all’estero: dagli appassionati di pugilato a chi gli voleva bene», conclude Perugino. (rn.q.)

REALIZZATA DALLO SCULTORE DE PAOLI E MOSTRATA IN ANTEPRIMA UN’OPERA D’ARTE A MEMORIA DEL PUGILE PARISI

«NON ho voluto fare una semplice statua commemorativa, ma un’opera «viva», che trasmetta la vitalità di Giovanni». Lo scultore Antonio De Paoli, ieri mattina nel suo studio a Corvino San Quirico, ha mostrato in anteprima il monumento dedicato a «Flash» Parisi. E Antonio Perugino, presidente del Comitato «Tutti insieme per Giovanni Parisi», insieme a Silvia Hrubinova, la vedova di Parisi, ne sono rimasti profondamente emozionati.

Leggi di più

Un’opera d’arte racconta St-Vincent

Giovedì scorso è stata inaugurata in Municipio una scultura di Antonio De Paoli

SAINT-VINCENT Un’opera in terracotta refrattaria rosa al quarzo con acciaio e vetrofusione della lunghezza di nove metri adorna la sala consiliare del Municipio di Saint-Vin-cent. E’ stata inaugurata giovedì scorso, 24 settembre, la scultura “Riflessi di storia”, vincitrice del concorso nazionale bandito lo scorso anno e vinto dall’artista pavese Antonio De Paoli. «Il concorso di idee – ha introdotto l’assessore Carmen Jacquemet – è nato dal vincolo di spendere l’uno per cento dei fondi destinati alle opere pubbliche in manufatti artistici. Dello scultore, già noto in Valle per essere il creatore dell’opera “La genesi di Fontechiara” di Issime, la giuria del concorso ha voluto premiare l’attenzione posta all’elemento naturale più rappresentativo per Saint-Vincent: l’acqua». L’opera racconta infatti proprio la storia di Saint-Vincent attraverso l’acqua: dal 1325, inizio dello scavo del canale Ru Courtaud, alla scoperta dell’abate Perret che nel 1770 valorizzò le particolarità benefiche dell’acqua della Fons Salutis. «Quando ho deciso di partecipare al concorso – ha spiegato lo scultore Antonio De Paoli – mi sono documentato sul paese, alla ricerca di un elemento che potesse riassumerne la storia e ho trovato nell’acqua la mia principale fonte di ispirazione. La scelta dei materiali mi ha portato ad utilizzare il vetro per riprodurre l’effetto visivo di un fiume, metafisica rappresentazione ricca di interpretazioni, la terracotta refrattaria rosa per il bassorilievo e l’acciaio corten come supporto per l’intera scultura. Vista l’importante presenza nella sala del lampadario, anch’esso in vetro, ho voluto legarmici visivamente, per creare un’armonia capace di generare quel muto dialogo che, a mio avviso, deve nascere tra osservatore e opera». Posta sulla parete inclinata di sessantacinque gradi della sala, pesa mezza tonnellata. I lavori di posizionamento hanno richiesto quindici giorni di lavoro. Presente all’inaugurazione era pure una delegazione di Voghera, giunta per rafforzare il legame tra i due Comuni.

Da sinistra il parroco don Pietro Panceti, lo scultore Antonio De Paoli e il sindaco Mado Borgio con alle spalle l’opera inaugurata giovedì scorso nella sala consiliare del Municipio di Saint-Vincent

Edoardo Alliod

La Vallée Notizie
SABATO 26 SETTEMBRE 2015

Inaugurata a Saint Vincent l’opera d’arte dello scultore pavese Antonio De Paoli

Nella Sala Consiliare del Comune

Inaugurata a Saint Vincent l’opera d’arte dello scultore pavese Antonio De Paoli
Si intitola “Riflessi di storia” l’ultima creazione dell’artista pavese Antonio De Paoli. Giovedì 24 settembre è stata inaugurata nel-a Sala Consiliare del Comune di Saint Vincent, dove ora campeggia in tutta la sua bellezza. Alla presenza di autorità locali civili e religiose l’opera è stata scoperta dopo quattro, mesi trascorsi tra progettazione e realizzazione. Antonio De Paoli è alla sua seconda “affermazione” in Valle D’Aosta, ha infatti già vinto (nel 2013) un concorso nel comune di Issime per la realizzazione di un monumento di fronte all’edificio scolastico Z’Lannsch House. Per il Comune di Saint Vincent ha creato un’opera composta da terracotta refrattaria rosa al quarzo con Corten e vetrofusione per uno sviluppo in lunghezza di circa 9 m montata sulla parete interna della Sala, inclinata di 65°. Si tratta di un grande bassorilievo che racconta, con le sue rappresentazioni simboliche, la storia di Saint Vincent attraverso l’acqua: dal 1325 — inizio dello scavo del canale Ru Courtaud alla scoperta del abate Perret che nel 1770 trovò le particolarità bene-fiche dell’acqua della Fons Salutis, primo passo per la costruzione delle Terme. Il complesso tridimensionale “taglia” longitudinalmente la parete e attraverso i riflessi del rilievo in vetrofusione rappresenta la dina-mica dello scorrimento dell’acqua come l’inarrestabile procedere del tempo. La composizione è studiata dal punto di vista prospettico per inserire nel suo contesto la silouette del grosso lampadario in vetro di Murano già presente nella Sala. L’illusione che si è voluto dare è di una cascata che si riversa nel fiume in vetrofusione. Sui pannelli geometrici in Corten sono montati due bassorilievi ín terracotta refrattaria rosa che raccontano i due avvenimenti della storia locale citati precedentemente. Lo scultore ha voluto concepire un opera non decorativa ma ricca di significati che possono, in qualche modo, identificare la storia di Saint Vincent e la sua comunità. L’inaugurazione è stata impreziosita dal brindisi offerto dalle Cantine Doria di Montalto Pavese. Un altro successo per De Paoli dopo la recente inaugurazione dell’opera per la nuova sede dei Vigili del Fuoco di Lodi e dell’opera realizzata sul lungomare di Sapri raffigurante la celebre “Spigolatrice”. Matteo Ranzini

IL TICINO

Anno 124 – n.35

Venerdì 25 settembre 2015

Antonio De Paoli al lavoro all’opera per il municipio di St-Vincent

Un’opera monumentale racconta Saint-Vincent

Per il municipio di Saint-Vin-cent ha creato un’opera composta da terracotta refrattaria rosa al quarzo con acciaio e vetrofusione per uno sviluppo in lunghezza di circa 9 metri, montata su una parete interna, inclinata di 65 gradi. Antonio De Paoli, scultore di Pavia, già noto in Valle d’Aosta per aver vinto un concorso nazionale per la realizzazione di un monumento di fronte all’edificio scolastico di Issime nel 2013, da anni arricchisce piazze, chiese, edifici pubblici e privati in Italia con le sue sculture monumentali. L’artista, oggi alle 16 nella sala consiliare, inaugurerà l’opera d’arte «Riflessi di storia» grande bassorilievo che racconta, con le sue rappresentazioni simboliche, la storia di Saint-Vincent attraverso l’acqua: dal 1325, inizio dello scavo del canale Ru Courtaud, al-la scoperta dell’abate Perret che nel 1770 trovò le particolarità benefiche dell’acqua della Fons Salutis, primo passo per la costruzione delle Terme. «L’illusione che ho voluto da-re è quello di una cascata che si riversa nel fiume in vetro fusione – dice De Paoli -. Sui pannelli geometrici in Corten ho montato due bassorilievi in terracotta refrattaria rosa che raccontano i due avvenimenti della storia locale legati all’acqua». La progettazione e la realizzazione della scultura di De Paoli, con il suo complesso montaggio, è durata più di 4 mesi. L’autore ha curato personalmente ogni dettaglio affinché i vari materiali uniti dessero una lettura coerente e armonica identica al bozzetto tridimensionale vincitore di concorso, bandito al momento della realizzazione del nuovo municipio. La maggiore difficoltà è stata riscontrata durante il montaggio di due settimane, che ha sfidato la forza di gravità su una parete inclinata ricoperta da pannelli in cartongesso dietro cui si so-no dovuti installare telai di sostegno in ferro sulle travi in ce-mento del tetto. D. G.

LA. STAMPA
GIOVEDÌ 24 SETTEMBRE 2015
Cultura &Spettacoli

Un’opera d’arte in Municipio

A Saint-Vincent l’inaugurazione di “Riflessi di storia”

SAINT-VINCENT Giovedì prossimo, 24 settembre, alle 16 nella sala del Consiglio di Saint-Vincent, in presenza delle autorità locali, regionali e religiose verrà inaugurata l’opera d’arte “Riflessi di storia” di Antonio De Paoli. L’autore dell’istallazione artistica è uno scultore di Pavia già noto in regione per aver vinto un concorso nazionale per la realizzazione di un monumento di fronte all’edificio scolastico Z’l.annsch House di Issime nel novembre del 2013. E’ un artista che da anni arricchisce piazze, chiese ed edifici pubblici e privati in Italia con le sue sculture monumentali unendo spesso acciaio corten e bronzo. In questo caso, per il Municipio di Saint-Vincent, ha creato un’opera composta da terracotta refrattaria rosa al quarzo con corten e vetrofusione per uno sviluppo in lunghezza di circa nove metri montata sulla parete interna della sala, inclinata di sessantacinque gradi. E’ un grande bassorilievo che racconta, con le sue rappresentazioni simboliche, la storia di Saint-Vin-cent attraverso l’acqua: dal 1325, inizio dello scavo del canale ru Courtau, alla scoperta dell’Abate Perret che nel 1770 valorizzò le particolarità benefiche dell’acqua della “Fons Salutis”, primo passo verso la costruzione delle Terme. Il complesso tridimensionale “taglia” longitudinalmente la parete e attraverso i riflessi del rilievo in vetro fusione rappresenta la dinamica dello scorrimento dell’acqua come l’inarrestabile procedere del tempo. La composizione è studiata dal punto di vista prospettico per inserire nel suo contesto la silhouette del grosso lampadario in vetro di Murano già presente nella stanza. L’illusione che si è voluta dare è di una cascata che si riversa nel fiume in vetrofusione. Sui pannelli geometrici in corten sono montati due bassorilievi in terracotta refrattaria rosa che raccontano i due avvenimenti della storia locale citati precedentemente. La progettazione e realizzazione della scultura di Antonio De Paoli con il suo complesso montaggio è durata più di quattro mesi.

La Valleé
NOTIZIE ANNO XXX – NUMERO 39
SABATO 19 SETTEMBRE 2015
IL SETTIMANALE DELLA VALLE D’AOSTA